Descrizione

ORE 20.00

PARK HOTEL LATINA

 

La “Firma” di ATWINE. Nei calici la filosofia lo studio e l’impronta di “Tecnici” che lasciano esprimere la purezza dell’AUTOCTONO.

La serata ha come tema il racconto di un progetto, quello dell’enologo Roberto Mazzer, diplomato a Conegliano Veneto nel 1990 dove inizia la formazione sul campo partendo dai Vitigni Autoctoni.
A questi rimane fortemente legato con un progetto dalle grandi soddisfazioni professionali, esaltandone le peculiarità.

Approda in Campania, precisamente in Irpinia, spostandosi poi verso l’Agro Aversano,  dove si muovono i primi passi verso la spumantizzazione di qualità di un tipico vitigno del Territorio.
Il passo è breve per avvicinarsi al Beneventano; fino ad arrivare nel Lazio.

Nel 1993 nasce ATWINE, uno studio di consulenza enologica a 360 gradi.

Arriva anche l’interesse per due aree molto interessanti che all’epoca (1995) vivevano un po’ all’ombra delle più note zone vitivinicole laziali.

Diventa promotore della DOC ATINA, identificando e definendo la varietà ATINA CABERNET grazie anche alla consulenza del Professor Attilio Scienza.

L’incontro con Paolo Perinelli nel 1997 porta Mazzer verso un altro progetto per l’epoca un po’ visionario, quello di vinificare il vitigno cesanese “Secco – Rosso – Fermo”.

Suo il lavoro e lo studio sull’identificazione dei due cloni di Cesanese, importante anche il lavoro sulla selezione dei lieviti impiegati.

Affiancando a questi anche lo studio e la valorizzazione del vitigno Bellone, nella sua espressione a piede franco.

La Campania resta nel cuore con la ricerca e il continuo studio sui vitigni autoctoni, portandolo addirittura sull’Isola di Capri.

Nel 2016 ATWINE si arricchisce della presenza di un giovane enologo, Pierpaolo Pirone, che segue Roberto Mazzer nel suo Progetto teso allo studio ed alla valorizzazione dei Vitigni Autoctoni.

Pubblica  su due varietà autoctone laziali: il Nero buono, di cui è artefice di un profondo studio sulle tecniche di vinificazione e gestione agronomica, e il Bellone di cui invece caratterizza i sentori varietàlì che si esprimono nella forma di allevamento a spalliera e a pergola.
Stabilmente collabora con l’università della Tuscia per importanti progetti
di sperimentazione e innovazione sul territorio.

Si specializza nella realizzazione di vini speciali come passiti, muffati e vini spumanti oltre che nella gestione delle tecniche di post raccolta per l’abbattimento della solforosa e valorizzazione dei precursori aromatici delle uve.
La collaborazione con Pirone, il suo entusiasmo e la sua professionalità conferiscono nuova linfa per ATWINE.

Durante la serata assaggeremo dieci vini che rappresentano la “Firma” di ATWINE citando fra questi:

Bellone, Maturano, Reale di Esperia, Cesanese, Nero Buono, Sciascinoso e Piedirosso, di alcuni anche la vinificazione spumante

Lo studio e la costante ricerca sui vitigni autoctoni: la firma di Atwine

Delegazione: Latina
Contributo unitario: 15,00
Posti rimanenti:

40 disponibili

Date evento:  - 27 Gennaio 2022 -  20:00 23:00