Descrizione

La degustazione del vino è soprattutto un fatto culturale e la cultura è qualcosa che si guadagna con lo studio e l’applicazione, non ci sono altre vie.
Non è sufficiente comprare degli ottimi vini per saperli interpretare e riuscire a leggere e godere di quello che ci possono offrire.
Troppo spesso, anche fra noi sommelier, notiamo che l’approccio col vino nel calice e sommario, sbrigativo, fatto di gesti di routine, ripetuti all’infinito e senza la reale coscienza su quello che si sta facendo e soprattutto del perché lo si fa.
Tutto ciò è piuttosto imbarazzante e avvilente, ma il vino non è niente di questo tutto ciò.
Il vino è cultura, è gioia, è comunicazione, è condivisione quindi facciamo in modo di godere di quello che il vino ci regala di volta in volta che lo avviciniamo.

Luca Radicchi, conduttore della serata, non ha più bisogno di presentazioni, ormai è acquisito come cittadino onorario del Lazio e,  al posto della sua presentazione, vorrei regalarvi due citazioni di Émile Peynaud, da tutti riconosciuto come il padre della moderna enologia.

Émile usava dire:

“Il saper bere fa parte del saper vivere”

e:

“Il gusto è conforme alla rozzezza dell’intelletto, ognuno beve il vino che merita”

Cogitate gente, cogitate.

I vini in degustazione nei due appuntamenti

I bianchi:
Lamburg 2018 Gewurztraminer
Azienda Agricola Cesani 2016 Vernaccia di San Gimignano Sanice Riserva
Nicosia 2018 Fondo Filara Etna bianco
A. Geoffroy 2017 Chablis Val Ligneau 1er Cru
Domaine Michelot 2015 Meursault

I rossi:
A. Lageder 2017 Romigberg Vernatsch
Maso Cantaghel 2015 Vigna Cantaghel Pinot nero
Vinosia – Luciano Ercolino 2014 Taurasi Sant’Andrea
Agricola San Felice 2016 Il Grigio Chainti Classico Riserva
Moccagatta 2016 Barbaresco Basarin
Firriato 2014 Cavanera Rovo delle Coturnie Etna Rosso
 

La Degustazione consapevole – Master con Luca Radicchi

Delegazione: Valle dell'Aniene
Contributo unitario: 50,00
Posti rimanenti:

60 disponibili

Date evento:  - 6 Marzo 2020 -  20:30 23:00